Alfa Mi.To., la grande novità

45ab80d5906794c9e623c2ace0bb30a6.jpg

Arriva e si chiamerà «Mi.To.». La vettura più piccola mai prodotta dall’Alfa Romeo si chiamerà con le abbreviazioni di Milano e Torino, città natale della vettura e città della casa madre.

La Alfa conosciuta fino come “Junior” sarà realizzata sul pianale della Grande Punto che è usato anche dalla Opel Corsa.

La Alfa Mi.To è lunga 4,06 metri, alta 1,44 metri e larga 1,72 metri e avrà i tratti (come già anticipato in questo blog) della 8C Competizione.

La gamma dei motori sarà composta da quattro propulsori (benzina e diesel) tutti turbocompressi con potenze che vanno da 90 a 155 cavali. Valori di tutto rispetto soprattutto in relazione alla massa della vettura che si annuncia contenuta.

A regalare più piacere di guida alla piccola Alfa ci penserà “Alfa Dna”, un dispositivo che agendo sinergicamente su motore, freni, sterzo, sospensioni e cambio, permette di settare tre diversi modalità di comportamenti della macchia: dynamic (super sportivo), normal (urbano) e all weather dedicato alle condizioni meteorologiche avverse con aderenza precaria.

0cb9264c8665a4305579288c1ed8550c.jpg
Alfa Mi.To., la grande novitàultima modifica: 2008-03-19T17:45:00+00:00da edwardfoster
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Alfa Mi.To., la grande novità

Lascia un commento