Quando la Fiat voleva imitare l’Hummer

2b7531b640db11248aa8423e21d4fc3b.jpgA guardarlo bene sembra uno scherzo e invece è tutto vero. Si chiama Fiat Oltre, una specie di quasi carrarmato da 4870х2200х2050 di dimensioni, una conversione arditissima di un comune Fiat Doblò. La casa torinese, nel 2005, studiava un mezzo speciale in collaborazione con Iveco per inserirsi nel settore dei LMV (Light Multirole Vehicle). Lo presentò, un po’ d’azzardo, al Motorshow di quell’anno tant’è che l’Esercito italiano intenderebbe adottarlo nei prossimi anni.

Il Fiat Oltre pesa sette tonnellate in ordine di marcia ed esibisce un passo di 3.230 mm. Ciò che colpisce è l’essenzialità e l’aggressività delle linee da “guerra”. 4×4 permanente, Oltre si appoggia su di un sistema di sospensioni indipendenti con molle elicoidali ed ammortizzatori coassiali, l’inserimento, differenziali bloccabili e capacità di superare una pendenza laterale fino al 40% e longitudinale dell’80%. Il cambio è automatico a sei rapporti. La capacità di carico è di circa 3 tonnellate e offre spazio (stando stretti) a cinque persone.

(Guarda il foto album in 3D del Fiat Oltre)

Il motore è il diesel Iveco F1C common rail, quattro cilindri in linea da 3000 cc con potenza massima di 136 KW (185 CV) a 3700 giri e una coppia elevata di 456 Nm a 1.800 giri/min. Un gioiellino per pochi dato che il suo costo ipotizzato non è inferiore ai 70.000 euro.

fiat,fiat oltre,fiat suv,auto,motori,cars,suv

 

Quando la Fiat voleva imitare l’Hummerultima modifica: 2011-05-21T17:55:29+00:00da edwardfoster
Reposta per primo quest’articolo

28 pensieri su “Quando la Fiat voleva imitare l’Hummer

  1. L’esercito non ha affatto intenzione di adottare il fiat Oltre, che è poco più di un dimostratore tecnologico.
    Sta invece già acquistando e utilizzando gli IVECO VLM, che sono ottimi mezzi dai quali poi la fiat ha derivato quella concept car…

  2. Mamma mia quant’è brutto.
    I cerchioni sembrano “rimediati” da un altra macchina.
    Il mezzo sembra un “quasi anfibio” senza elica dietro.
    Da l’impressione che l’abbiano costruita molto in fretta, con un pò d’avanzi di fabbrica.
    Comunque 70000 euro, per un mezzo che in Europa si sta pensando di bandiro dalle grandi città, mi sembrano tanti.
    Uno spreco di energia per costruiro, uno spreco di carburante per farlo camminare e in più mi chiedo: Sarà un mezzo sicuro?
    Baricentro alto, peso notevole (che pattinate sul ghiaccio! e chi lo ferma?) e i freni, anche in condizioi ottimali a 100Km/h, in quanto spazio si ferma?

  3. ma sapete quante sono 7 tonnellate prima di scrivere idiozie, 185 cv per spingere quel peso nelle pendenze dichiarate nell’atrticolo,(probabilemnte inventate anche quelle) non la farebbero muovere…..nemmeno con 456Nm di coppia…… altra idiozia è la derivazione dal doblò, da come si evince dalle misure, non può assolutamente avere niente in comune, per il momento mi fermo qui, ma attenzione a quello che si scrive.
    p.s. Designer non deseiner

  4. Raga un po di calcoli
    per un gippone da cinque posti 70 quintali sono impossibili da raggiungere anche riempiendolo fino all’orlo di piombo fuso.
    Capacità di carico 30 quintali? ma cosa è, un eurocargo? non vedo il cassone.
    185 cavalli per quel peso sono irrisori avrebbe solo la forza e l’agilità di un grosso camion, con tutti i limiti del caso.

  5. SETTE TONNELLATE???????? Ma dove s’è mai visto un motore da 136 Kw che si porta a spasso 7 tonnellate di roba????? Ma non peserebbe 7000 Kg nemmeno se fosse fatta di marmo di carraca sta macchina…… e poi scusate, ma la FIAT che a forza di Pande e 500 sta rinascendo, è il caso che tenti di commercializzare sti aborti qui? Ma lasciamoli agli americani, che almeno loro in fatto di macchine si vede la bella fine che han fatto……

  6. la guardo e la riguardo e mi chiedo……. ma sto cesso dove avrà la scritta pozzi ginori? e poi la catenella per tirare lo sciaquone dov’è?
    ruote alla pimp my ride, pedane per accedere nell’abitacolo da reparto geriatria che ovviamente in offroad rappresenterebbero solo un enorme problema, pendenza laterale di 40%????? in genere in offroad si indica in gradi, la massima pendenza superabile è pari a 45° che indica valore 100%, 40% sta particamente ad una rampetta da asfalto a marciapiedi…..
    ragà dite la verità, è uno scherzo, una specie di legenda metropolitana

  7. non è per difendere questa “automobile”:sette tonnellate è il peso del veicolo a pieno carico (con 3 tonnellate di carico),comunque sono completamente d’accordo con chi dice che un 3000cc da 185CV è un po’ piccolo e qui http://www.duemotori.com/news/notizie_auto/6861_Fiat_Oltre_nuove_foto_e_dati_tecnici.php lo potete vedere in versione “strada” cioè con fari regolari e cerchi un po’ più seri.

    rimane comunque uno schifo!

  8. Ciao, sono Giuseppe, autore del blog cervelliamo http://cervelliamo.blogspot.com/
    Effettuando ricerche in rete, ho notato il tuo blog e volevo chiederti se vuoi collaborare scrivendo articoli anche su cervelliamo.
    Ci sono tante categorie su cui orientarsi ad esempio, se nel tuo blog parli di un singolo argomento o comunque il blog è monotematico, potrai utilizzare cervelliamo come blog già avviato e ben indicizzato per scrivere oltre che sugli argomenti di tuo maggiore interesse, anche su altri argomenti che ti passano per la testa, spaziando ad esempio dalla politica alla cucina.
    Facciamo una media di 3000 pagine viste al giorno e, man, mano, andiamo a crescere.
    Potrai utilizzare Cervelliamo come secondo blog, divulgare informazione e guadagnarci su con il sistema adsense di google, facile, meritocratico e sicuro.
    Siamo presenti nei maggiori network della rete, siamo su google news, c’è la fan page su facebook con più di 1550 persone, in pratica, quello quello che dovrai fare è scrivere e pubblicare, proprio come fai sul tuo blog ma con la differenza che cervelliamo offre più visibilità agli articoli.
    Se ti piace l’iniziativa, potrai conoscere il team di blogger che fanno parte di cervelliamo (contattati come te) ed uniti in un gruppo creato su facebook.
    Non esitare a contattarmi, sia per email o direttamente su facebook al mio indirizzo personale.
    http://www.facebook.com/cervelliam0
    Ti aspetto

Lascia un commento